url in attesa che il filmato fatto con la mia gopro  sia pronto e vi farà vedere questa esposizione dal mio punto di vista volevo raccontarvi le prime impressioni a caldo.

Certo proprio al caldo non direi perché in barba a tutti i metereologi la temperatura a Milano è stata perfetta né troppo caldo né fresco c’erano i venticinque gradi che tutti sogniamo quelli che in Colombia (questa l’ho imparata proprio all’Expo)  chiamano clima temperato.

Quando ho deciso di andare all’Expo, parlandone un po’ con tutti come è mia abitudine ho avuto pareri perlopiù negativi perché usare i miei  pochi ed unici giorni di ferie per andare a vedere un’esposizione faceva un po’ strano perché solitamente quando si pensa ad una vacanza ci si orienta per un posto rilassante possibilmente vicino al mare.

Però un’altra mia abitudine è ascoltare tutti ma fare sempre di testa mia fortunatamente coadiuvato dei miei fantastici genitori.

Quindi abbiamo deciso di fare questa esperienza, quello che principalmente mi affascinava e pensavo di trovare era un rispetto per la diversità in quanto pur essendo tutti abitanti dello stesso pianeta a nostro modo siamo tutti differenti e per come è strutturata questa esposizione proprio questa caratteristica viene esaltata.

Ho esattamente detto esaltata perché non c’è niente da vergognarsi nell’essere diversi anzi secondo me è proprio bello dell’essere umano. Quindi nonostante tutto quello che i soliti disfattisti hanno detto e nonostante tutto quello che i solidi ladri hanno rubato questa esposizione mondiale riesce a mettersi in piedi e a riunire davvero il mondo in pochi kilometri quadrati.

Il caso ha voluto che quando sono entrato i primi paesi che mi sono trovato davanti sono state le piccole isole caraibiche dove in delle stanzette poco più grandi di una bottega delle affascinanti ragazze provenienti da queste isole accoglievano i visitatori come me che onestamente parlando non avevo idea della posizione geografica dell’una o dell’altra ma quel sorriso e con gli occhi facevano sentire l’accoglienza tipica di quei posti e quegli oggettini di artigianato davano un’idea delle loro tradizioni. Infatti da un’isola all’altra spesso erano simili gli oggetti perché legati al territorio e alla natura in una differente similitudine incantata.

Dopo ovviamente venivamo sopraffatti dalle immense strutture dei paesi più ricchi e più industrializzati tutto sommato anche questi cercavano di rimanere attaccati al lato umano in fondo cosa che più di umano del cibo senza quello non ci sarebbe l’essere umano, ed infatti pure questo valore viene evidenziato nel rispetto del cibo e della condivisione.

 

Questa è stata la mia personale esperienza, certo non tutto è stato perfetto ci sono state delle code abbastanza lunghe motivate dal numero di visitatori gli ingressi si potevano fare più vicini, non tutto è perfetto ma ponendosi nella maniera giusta sono delle problematiche ampiamente superabili. Dal punto di vista di accessibilità ai disabili è praticamente perfetta tutti i padiglioni sono facilmente fruibili e dotati di ascensore si saltano le code l’ingresso è facilitato, certe volte anche i noi disabili dobbiamo fare la coda in quanto i posti riservati sono limitati ma un po’ di pazienza si può avere anche perché l’attesa non dura mai più di venti minuti “niente a confronto dei novanta minuti per i bipedi”.

Quindi godiamoci questa stupenda manifestazione nella nostra Italia che ogni tanto dovremmo amare di più.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...